controllore e controllato

L’imbarazzante ruolo del controllore di se stesso

A Pula succede anche che chi dovrebbe dedicarsi alla tutela del patrimonio pubblico del Comune abbia l’ombra di un conflitto di interessi che pesa come un macigno.

Non capiamo se siamo di fronte a superficialità nella scelta dei cosiddetti “sub-delegati” da parte del Sindaco, che avrebbe dovuto utilizzare la prudenza prima di assegnare sub-deleghe a chi trovandosi in evidente imbarazzo per la presenza di situazioni “irrisolte” di fatto in questi quasi 2 anni abbia fatto, sul “caso” in questione, orecchie da mercante, oppure, se invece, la scelta abbia volutamente ignorato, a nostro avviso, questa  evidente incompatibilità.

A tal riguardo abbiamo presentato un interrogazione con preghiera di riferire in consiglio per aggiornarci sullo stato di attuazione delle direttive di cui alla deliberazione n°85 del 17 giugno 2008 e sulla presunta incompatibilità del consigliere comunale Azara.

L’interrogazione è stata inoltrata al Sindaco, al Segretario Comunale e al consigliere Azara.

Di seguito il testo dell’interrogazione:


 

Oggetto: Richiesta di iscrizione all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale dell’interrogazione finalizzata a conoscere quali iniziative sono state adottate  dall’Amministrazione per la definizione del contenzioso con la società “S. Efis Hotel”.

I Sottoscritti Consiglieri del Gruppo Misto

Premesso che:

Con concessioni edilizie n. 72 del 29.06.1989 e n. 06 del 27.01.1992 fu autorizzata la edificazione di un complesso alberghiero denominato “S’EFIS HOTEL” in Pula, località Su Guventeddu;

In particolare la concessione edilizia n. 06/92 soprarichiamata contiene la prescrizione “che vengano cedute le aree o corrisposti gli importi sostitutivi che determinerà l’Amministrazione Comunale”

Dall’esame degli atti e in particolare dalla nota prot. 2094/U del 23.10.1997 dell’Assessorato Regionale all’Urbanistica,  è emersa l’illegittimità delle concessioni edilizie per i seguenti fondamentali aspetti:

  1. Violazione D.A.P.I. n. 553 del 02.06.1989 che sanciva l’inedificabilità nella fascia dei 300 metri dal mare;
  2. Violazione della legge regionale n. 17/1981 che stabiliva l’obbligatorietà della preventiva adozione  dello strumento di disciplina delle zone “F”;
  3. violazione dell’art. 4 della legge regionale n. 30/1978 che stabiliva  la preventiva predisposizione di un piano attuativo;
  4. Inosservanza delle condizioni apposte nel Decreto Assessoriale  n. 4316/U del 12.11.1991 che prescriveva l’obbligo della preventiva predisposizione del piano attuativo ai sensi della legge regionale n. 20/1991;

Per ovviare alla suddetta illegittimità, anche sulla scorta di diversi pareri legali, l’Amministrazione comunale determinò, a suo tempo, di monetizzare le aree di cessione, quantificandone il relativo valore mediante relazione di stima affidata all’Agenzia del Territorio di Cagliari.

L’Agenzia del Territorio di Cagliari ha svolto i propri accertamenti sulla scorta delle indicazioni dell’Amministrazione Comunale, rivedendo e aggiornando, anche alla luce delle osservazioni della Soc. S’Efis Hotel, la propria perizia;

La Soc. S’Efis Hotel, con nota del 21 aprile 2008, ha contestato i valori di riferimento definitivamente assunti dall’Agenzia del territorio ed ha inoltre contestato  la rivalutazione monetaria e gli interessi legali che sono stati applicati.

Ritenendo  di dover tutelare gli interessi dell’Ente agendo in giudizio nei confronti della Soc. S’Efis Hotel per l’ottenimento del pagamento delle somme dovute,  si  valutò la necessità di conferire incarico professionale a un legale di fiducia dell’Amministrazione Comunale per la tutela dei propri interessi mediante citazione in giudizio della soc. S’Efis Hotel, l’Amministrazione Comunale.

Con  Delibera n°85 del 17/06/2008 si  conferì un incarico ad un legale di fiducia per agire in giudizio nei confronti della Società S.Efis Hotel, per l’ottenimento del pagamento degli importi sostitutivi delle cessioni in relazione in relazione alla concessione n°.06/92.

Nel prendere atto dell’entrata in vigore del decreto legislativo del 4 marzo 2010 n. 28 contenente la nuova disciplina della mediazione per le controversie civili e commerciali, l’Amministrazione in data 31/03/2010 confermò l’incarico all’avvocato di fiducia del Comune a cui fu conferita ampia facoltà di dire, eccepire e dedurre quanto ritenesse opportuno nell’interesse del Comune e di mettere in essere un’attività di mediazione con la controparte, senza tuttavia raggiungere alcuna intesa senza l’autorizzazione dell’Amministrazione in merito  alla controversia insorta tra il Comune di Pula e la Soc. Sant’Efis Hotel in relazione all’azione in giudizio per l’ottenimento del pagamento degli importi sostitutivi delle cessioni in forza delle prescrizioni di cui alla concessione edilizia n. 06/1992.

Tutto ciò premesso si chiede al Sindaco e anche al Segretario Generale in qualità di Responsabile Anticorruzione del Comune per quanto riguarda il punto 2

  1. Se dal momento dell’insediamento dell’Amministrazione in carica,  quali atti formali sono stati intrapresi per ottenere il recupero delle somme dovute al Comune.
  2. Se nel conferire l’incarico di “delegato al Patrimonio” al Consigliere ing. Pier Andrea Azara, abbia tenuto conto della possibile incompatibilità della nomina sia in termini giuridici, sia in termini di opportunità politica,  derivante dal fatto che lo stesso Consigliere,  da quanto risulta agli scriventi,  ha uno stretto rapporto di parentela con i proprietari della Soc. S.Efis Hotel, a cui il Comune di Pula,  promuovendo un’azione giudiziaria, ha  richiesto la corresponsione degli importi sostitutivi per sopperire alla mancata cessione delle aree
  3. Quali atti amministrativi intenda adottare l’Amministrazione nell’immediato futuro,  qualora la situazione derivante il contenzioso con la Soc.”S.Efis Hotel” non avesse avuto alcun apprezzabile sviluppo dal maggio 2014 ad oggi.
  4. Come intende scongiurare il palese conflitto d’interesse del Consigliere Azara, per i motivi di cui al precedente punto 2)

Per quanto su esposto si richiede risposta orale e scritta al prossimo Consiglio utile.

 

[author title=”Angelo Pittaluga” image=”http://www.gopula.it/wp-content/uploads/2015/09/pittaluga-1.jpg”]Consigliere Comunale di Minoranza Gruppo Misto[/author] [author title=”Elisabetta Loi” image=”http://www.gopula.it/wp-content/uploads/2015/11/bettyloi-1.jpg”]Consigliere Comunale di Minoranza Gruppo Misto[/author]

 

LASCIA UN COMMENTO